Domanda di regolarizzazione per i richiedenti asilo

La domanda di regolarizzazione può essere presentata anche per i richiedenti asilo (senza che questi debbano rinunciare alla richiesta di protezione internazionale) così come per altri titolari di permessi di soggiorno non convertibili in permessi per lavoro.
 
È uno dei chiarimenti contenuti nella nuova serie di risposte a Frequently Asked Questions (FAQ) sulle procedure previste dall’art. 103 del DL 34/2020 (Decreto Rilancio)  pubblicate dal Ministero dell’Interno. 
 
“Il datore di lavoro – spiega il Viminale - può presentare istanza di regolarizzazione a favore di un cittadino straniero presente sul territorio nazionale, prima dell’8 marzo. Rientrano perciò in tali categorie anche i richiedenti protezione internazionale (a prescindere da quando hanno presentato istanza), i denegati ricorrenti, gli irregolari, i possessori di permesso di soggiorno valido, gli stranieri oggetto di provvedimento di espulsione per violazione delle norme sull’ingresso ed il soggiorno (eccetto quelli previsti dal comma 10, lettera a) dell’art.103), i titolari di permesso di soggiorno non convertibile in permesso di lavoro (a titolo esemplificativo e non esaustivo studio, turismo, cure mediche, motivi religiosi, protezione speciale….). 
 
Rispondendo a un’altra FAQ, il ministero chiarisce che “per richiedere il permesso di soggiorno per lavoro a seguito della procedura di regolarizzazione, il cittadino straniero non è tenuto a rinunciare alla richiesta di protezione internazionale. Nel caso in cui, dopo l’ottenimento del permesso di soggiorno, il lavoratore si veda riconosciuta anche la protezione internazionale dovrà optare per uno dei due titoli”. 
 
Vai alle nuove FAQ sulla regolarizzazione (15 giugno 2020). 
 
Fonte: Integrazione Migranti