Online il report 2021 sulle associazioni che operano a favore dei migranti

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha realizzato una ricognizione delle attività svolte nel 2021 dalle associazioni iscritte al Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore dei cittadini migranti

Il Registro, la cui tenuta è curata della Direzione Generale dell’immigrazione e delle politiche di integrazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, è attivo dal novembre 1999 ed è articolato in due sezioni: 

• nella Prima sezione sono iscritti enti ed associazioni che svolgono attività a favore dell'integrazione sociale degli stranieri (ai sensi dell’art. 42 T.U.); 

• nella Seconda sezione, sono iscritte le associazioni, gli enti e gli organismi privati abilitati alla realizzazione dei programmi di assistenza e integrazione sociale di cui all'articolo 18, comma 3, del T.U. A questa sezione afferiscono quindi le organizzazioni che svolgono assistenza sociale e prestano servizi in materia di violenza contro le donne, prostituzione, tratta, violenza e abusi sui minori, assistenza ai lavoratori in condizione di grave sfruttamento.

Fra quelle che hanno svolto attività nel 2021, hanno sede nelle Marche 15 associazioni iscritte alla prima sezione e 2 iscritte alla seconda.

Il report è articolato in tre parti. La prima offre una panoramica sugli enti iscritti alla Prima e alla Seconda sezione del Registro in relazione a variabili quali la forma giuridica, la distribuzione territoriale, l’ambito geografico di intervento, la tendenza ad aderire a reti - sia su base territoriale che tematica - e i settori di attività prevalenti. Inoltre, viene analizzata la propensione o meno a lavorare in partenariato sui singoli progetti e le caratteristiche dei rappresentanti legali in relazione a genere e nazionalità di provenienza. La seconda e la terza parte sono dedicate ai progetti realizzati rispettivamente dagli enti iscritti alla Prima e alla Seconda sezione, con approfondimenti sulla tipologia di attività realizzate, i fondi utilizzati, i beneficiari degli interventi e le risorse umane impiegate.

Il report è scaricabile qui

 

Fonte: integrazionemigranti.gov.it